[modulo] La pedagogia dell'accoglienza

Durata: 12 ore

Sede corso: Consorzio Friuli Formazione

Giorni e orari:

  • 23 Marzo 2018 dalle 14.00 alle 20.00
  • 24 Marzo 2018 dalle 8.30 alle 15.30

Docente: Maria Elisabeth Bordino Rodriguez
Prezzo:
 70,00 €
Titolo rilasciato:
nel caso in cui il partecipante svolgesse tutte le attività previste dal modulo (preparazione della relazione) e non superasse il numero massimo di assenze consentite (1/5 delle ore totali del modulo) riceverà un attestato di partecipazione rilasciato dall'Opera Nazionale Montessori relativo alle ore frequentate e al lavoro svolto; altrimenti verrà rilasciato un attestato di frequenza sulle sole ore frequentate da parte della Direzione del corso. Il solo attestato di partecipazione rilasciato dall'ONM garantisce il riconoscimento delle relative ore e del lavoro svolto ai fini di una eventuale iscrizione ad un successivo corso per educatori della prima infanzia.
Destinatari: 
per poter partecipare al modulo è necessario aver frequentato il modulo di teoria (anche all'interno di altri corsi Opera Nazionale Montessori).
Scadenza Iscrizioni:
21 marzo 2018

 

Programma specifico del modulo

  • La pedagogia dell’accoglienza
  • La presentazione del nido ai genitori. Primi contatti informali del bambino nel nido
  • Il bambino tra separazione ed attaccamento. L’educatrice di riferimento e il ruolo iniziale della madre. La carta biografica del bambino e criteri di rilevazione
  • Lo spazio dell’accoglienza. L’educatrice e il primo ambientamento del bambino
  • I genitori e l’osservazione del bambino nelle prime fasi dell’accoglienza-ambientamento. I genitori cooperatori del funzionamento educativo del nido
  • Nozioni di psicopedagogia familiare
  • Il cambio e il suo spazio attrezzato. Il cambio quale momento per favorire e consolidare l’ambientamento del bambino. Il cambio: un momento di comunicazione, attenzione, conoscenza
  • Le pratiche igieniche nel nido Montessori

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn